Quando i social network diventano un boomerang: il caso di Mc Donalds

Qual’è il punto di forza principale dei social network?
Dare voce al cliente. Creare un canale di comunicazione bidirezionale per creare un rapporto nuovo con il mercato.
Un rapporto più partecipativo, più coinvolgente, più fidelizzato.
Ma cosa può dire il cliente?
Ovviamente tutto. Non solo cose lusinghiere ma anche critiche.
E le critiche non vanno bannate ma gestite e rielaborate.
Quando però i social network vengono subissati solo di critiche, questa strategia può diventare un boomerang.

È il caso di Mc Donalds.
La famosa catena di fast food ha scelto di potenziare il canale Twitter dando voce al pubblico.
Dopo aver acquistato l’hashtag sponsorizzato #McDstories (quelli che in modo “dopato” scalano velocemente le classifiche) ha chiesto agli utenti di raccontare le loro esperienze con la marca.
Strategia sulla carta perfetta.
Ma Mc Donalds è da sempre una marca controversa.
C’è chi la ama e chi la odia.
E quest’ultimi si sono decisamente scatenati con commenti negativi che spaziavano da esperienze gastriche traumatiche fino ad arrivare alle condizioni di lavoro dei collaboratori o alle condizioni degli allevamenti.
Il dietro front della multinazionale è stato immediato ma ormai la notizia (come sempre accade) era rimbalzata in rete in pochi minuti nella rete.

Come vi sareste comportati voi?
Avreste implementato questa strategia consci del rischio di dar voce anche alle critiche?
Avreste lasciato aperto il canale cercando di gestire le critiche?
Avreste chiuso subito tutto, tornando mestamente sui vostri passi?

Annunci

3 risposte a “Quando i social network diventano un boomerang: il caso di Mc Donalds

  1. Penso che sia stata una leggerezza di MacDonald’s dovuta all'”ignoranza”.
    In Italia stiamo capendo adesso che l’utente “esperto” di internet è ironico, cinico e spietato.
    Non è un caso se parlando di internet si parla di spesso di Troll, Flame & co. Il buonismo filtrato tipico della TV in rete è in minoranza.
    Che poi l'”internauta” ecceda col sarcasmo è condivisibile, ma sarebbe opportuna una maggiore conoscenza (della sociologia) del mezzo prima di approcciarlo a scopi professionali.

  2. è un arma a doppio taglio molto pericolosa, l’astuzia sta nel rielaborare e non fare “dietrofront”, le critiche ci sono sempre e comunque!

  3. Pingback: Le aziende inefficienti e le pubbliche relazioni digitali | Back to ideas·

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...