La “dura” vita dei testimonial.

La vita del testimonial non è particolarmente complicata. Richiede però una condizione assoluta: deve essere irreprensibile (o almeno apparire tale).
La reputazione del testimonial, infatti, si ripercuote in modo significativo sul brand (anche quella del brand comunque si riverbera sul testimonial).
Per questo le aziende, negli ultimi anni, sono diventate estremamente rigide nel valutare gli stili di vita pubblici e privati dei personaggi lautamente pagati per diffondere il marchio.
Tutti ricorderanno lo “scandalo” Tiger Woods, la stella mondiale del golf che negli ultimi anni ha riempito le cronache giornalistiche più per le sue performance extra-coniugali che per le vittorie sul green.
Ultima star sportiva nell’occhio del ciclone è Ryan Giggs, asso e giocatore simbolo del Manchester United fresca finalista della Champions League 2011, reo di una vita privata molto movimentata.
Ma dove le mogli possono perdonare, le aziende non dimenticano.
La Rebook, azienda storicamente legata al giocatore gallese, si è rifiutata di appoggiare pubblicamente Giggs e questo lascerebbe presagire l’imminente rescissione di un contratto che in questi anni ha fruttato allo stesso Giggs oltre 20 milioni di sterline.

Il calciatore del Manchester United Ryan Giggs, testimonial della Reebok

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...